PDA

Visualizza Versione Completa : IMPORTANTE - Betta mahachaiensis in AIB



MarZissimo
04-01-2013, 07:36
Ciao a tutti, questa che segue è una comunicazione molto importante, e riguarda tutti gli allevatori, AIB e non, che stanno allevando (o hanno allevato in passato), il ceppo di Betta mahachaiensis portato in Italia da Stefano Valdesalici e successivamente riprodotto e diffuso in associazione da alby.

Tramite una comunicazione diretta con i ragazzi di Seriouslyfish.com (in particolare con Stefan Van Der Voort, che ringrazio ancora pubblicamente), e con Stefano Valdesalici (anche qua il grazie è immenso e doveroso), siamo arrivati a quella che deve essere la corretta denominazione degli esemplari in nostro/vostro possesso.

Si tratta di esemplari pescati da Valdesalici in Thai, a circa queste coordinate: 13° 33' N 100° 15' E. Da qui siamo risaliti al nome del distretto nei pressi di Bangkok e possiamo ora affermare che quei pesci sono Betta mahachaiensis “Samut Sakhon”

Questa nomenclatura non ve la dovrete MAI scordare. È importantissima(!), soprattutto quando andate a diffondere gli esemplari in vostro possesso.
Ci da delle informazioni preziosissime circa il loro allevamento, e non deve essere "mescolata" con mahachaiensis provenienti da altre parti del mondo!

Vi lascio alcuni link interessanti a proposito della questione:

Il topic pubblico nel forum di SF aperto dal sottoscritto
http://www.seriouslyfish.com/forums/freshwater-and-brackish-fishes/how-to-label-betta-mahachaiensis/

Info generali sul distretto di Samut Sakhon (in particolare guardate la tab "weather" per avere un'idea della stagione delle piogge, della secca, e della salinità)
http://www.chinci.com/travel/pax/q/1606587/Changwat+Samut+Sakhon/TH/Thailand/0/#1|5|travel|pax|5|1606587|Changwat Samut Sakhon|TH|Thailand|Asia/Bangkok|55|ADM1|13.5833333|100.3000000|Samut Sakhon

Da lì si evince che per circa un mese quei pesci sopportano anche i 20° durante la notte, mentre reggono alla grande le altissime T.
Altresì possiamo vedere come la stagione delle piogge influenzi di molto la salinità dell'acqua, e anche che l'alternanza tra stagione secca e stagione delle piogge è abbastanza inusuale...picco ad ottobre e picco negativo a dicembre...insomma tutte informazioni in più per allestire le nostre/vostre vasche e allevare questi pesci al meglio, evitando che in anni di detenzione perdano il meno possibile le loro caratteristiche originarie (questo significa conservazione della specie).

Da oggi in poi non voglio più leggere "betta mahachai", "mahachai", "mahachaiensis", "betta mahachaiensis"....quelli che avete sono Betta mahachaiensis “Samut Sakhon”. Nè una virgola in più, nè una virgola in meno.
Per fare un ulteriore passo in avanti con l'acquariofilia in Italia si passa anche da qua. Mi raccomando!! :)

MarZissimo
04-01-2013, 07:42
http://www.acquaportal.it/_archivio/ARTICOLI-2/Viaggio_oriente.asp

Questo oltretutto è l'articolo pubblicato da Valdesalici sul suo collecting trip.
Guardate dove nidificano i Betta mahachaiensis “Samut Sakhon”!!! Nelle palme!!!

Altra cosa che mi piacerebbe fare, prima che sia troppo tardi, e andrebbe in realtà fatto con tutte le specie che abbiamo in associazione, è fare un attimino di ordine, in modo che possiamo direttamente sapere che generazione abbiamo in vasca e da chi provengono gli esemplari.

Chiedo pertanto l'aiuto di tutti su questo topic.

Prima coppia F1: Stefano Valdeslici, passata ad alby

Alby li ha riprodotti a centinaia (anche troppi)...chi ha i suoi esemplari? A che generazione corrispondono?

Grazie a tutti per l'aiuto :)

MarZissimo
04-01-2013, 07:44
Ultima nota di servizio: i pesci in questione sono un bene preziosissimo, in quanto diverse altre popolazioni di Betta mahachaiensis sono estinte causa antropizzazione (guardate voi stessi le foto della fine che fanno le palme in cui nidificano...), mi raccomando a come li tenete!!!! :)

Copio-incollo da SF, per maggiore chiarezza:


Known only from a handful of localities in Bangkok, Samut Sakhon, Samut Songkhram and Samut Prakan provinces in central Thailand, all of which lie on the coast of the Gulf of Thailand.

Most habitats are in close proximity to Bangkok, which continues to expand rapidly, are considered under extreme threat, and recent surveys have failed to confirm that the fish is still present in Samut Songkhram and Samut Prakan.

Populations from different localities exhibit slight morphological differences, e.g., the shape of the caudal-fin can vary from rounded to ovate, and should not be mixed or hybridised in aquaria.

gamgam
04-01-2013, 08:26
E' interessante farsi un giro con google maps e street view attorno a quelle coordinate. La zona è piena di stagni e acquitrini. Ma anche antropizzata in maniera pazzesca.

Per fortuna ci sono anche azioni in corso per preservare quel biotopo, come centri di studio e protezione della fauna e delle mangrovie. Guardatevi le foto di Panoramio dell'ultimo link che danno molta speranza (e pure voglia di viaggio...)

http://www.bangkokpost.com/travel/local-destinations/listing/ao-maha-chai-mangrove-forest-natural-resource-study-centre/6687/

http://www.encyclopediathai.org/sunthai/center/smutsakhon/birdwatch.htm


http://www.panoramio.com/photo/23730225

Roberto Silverii
04-01-2013, 08:51
Grandioso!! Grazie mille per l'impegno, MarZ!! :)

MarZissimo
04-01-2013, 09:40
Ci sono da ringraziare anche Eugenio e Matteo che mi hanno aiutato in questa questione :)

Brendan
04-01-2013, 11:16
È bellissimo vedere che risultati su riescono ad ottenere seguendo una propria passione, grazie a tutti a quelli che hanno partecipato a questa ricerca e che l'hanno resa pubblica! Ho notato che poche persone che scoprono cose interessanti come questa cerchino di diffonderle, mentre voi non appena i dato era certi esce subito la pubblicazione della ricerca! Grazie davvero!
Leggendo varie pubblicazioni spesso di trascura l'importanza del luogo di pescaggio, ma se si vuole ricreare il biotopo giusto, per far stare al meglio i nostri animali, è essenziale saperlo, perché in paesi dai mille paesaggi come la Thailandia, Indonesia e Myanmar tutto può cambiare a distanza di qualche chilometro. :)
Grazie ancora!